I vantaggi della locazione a Canone Concordato

Oltre la questione TEMPO, la locazione a canone concordato può essere una buona opzione per risparmiare, sia per il locatore che per il conduttore.

Trattandosi di un contratto di locazione a prezzi convenzionati rappresenta un vantaggio sia per l’inquilino che potrà pagare un affitto più basso, sia per il locatore che, dovendo pagare le tasse sulla locazione percepita, potrà beneficiare di una cedolare secca più bassa, pari al cioè al 10% (approvato in modo definitivo con Legge di Stabilità 2018)

Il contratto di locazione a canone concordato deve avere una durata non inferiore a tre anni, tacitamente rinnovabili per altri due anni.
Dal canone concordato non sono escluse le locazioni brevi che vanno cioè da 1 a 18 mesi. SONO invece esclusi glia affitti BREVI, quelli sotto i 30 giorni.

Gli importi massimi e minimi dei canoni stabiliti per il contratto concordato sono determinati a livello locale dalla contrattazione tra le associazioni dei proprietari e i sindacati degli inquilini e si basano sulle caratteristiche dell’immobile, sulla zona dove si trova e sul numero degli occupanti.

La locazione a canone concordato NON sempre è più bassa rispetto a quella determinata dai prezzi di mercato, pero di solito si, ma se andiamo a calcolare il risparmio fiscale, è notevolmente più conveniente in determinate situazioni.

Le agevolazioni fiscali per il proprietario

  • Riduzione IMU
  • Cedolare secca: aliquota  ridotta al 10%  per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad abitazioni ubicate nel Comune di Milano.
  • Riduzione del 25% dell’Imu e della Tasi per i fabbricati concessi in locazione a canone concordato. I commi 53 e 54 dell’articolo 1 della legge 208/2015 hanno previsto che, dal 2016, per gli immobili locati a canone concordato (definiti dalla legge 431 del 1998), i due tributi si determineranno applicando l’aliquota stabilita dal Comune nella misura ridotta al 75% per cento.

Agevolazioni fiscali per l’inquilino con reddito basso

Gli inquilini a basso reddito possono usufruire di detrazioni fiscali sulla dichiarazione dei redditi di:

  •  495,80 euro, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro
  • 247,90 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non a 30.987,41 euro.
  • Se il reddito complessivo è superiore a quest’ultimo importo, non spetta alcuna detrazione.

Agevolazioni fiscali per l’inquilino in TRASFERIMENTO PER MOTIVI DI LAVORO

A favore del lavoratore dipendente che ha trasferito la propria residenza nel comune di lavoro o in un comune limitrofo e ha stipulato un contratto di locazione, è prevista una detrazione di: 

  • 991,60 euro, se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro
  • 495,80 euro, se il reddito complessivo supera i 15.493,71 euro ma non i 30.987,41 euro
  • La detrazione spetta a condizione che:
    • il nuovo comune si trovi ad almeno 100 chilometri di distanza dal precedente e comunque al di fuori della propria regione
    • la residenza nel nuovo comune sia stata trasferita da non più di tre anni dalla richiesta della detrazione.

Queste detrazioni spettano solo per i primi tre anni di trasferimento della residenza.

Agevolazioni fiscali per l’inquilino che studia all’università FUORI SEDE

  • Anche il contratto di locazione stipulato dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università ubicata in un Comune diverso da quello di residenza permette di fruire di un’agevolazione fiscale. In particolare, la detrazione spetta nella misura del 19%, calcolabile su un importo non superiore a 2.633 euro.
  • Gli immobili oggetto di locazione devono essere situati nello stesso comune in cui ha sede l’università o in comuni limitrofi, distanti almeno 100 Km da quello di residenza e, comunque, devono trovarsi in una diversa provincia.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Come si registra un contratto di locazione all’Agenzia delle Entrate?

Il contratto di locazione e di affitto va registrato all’Agenzia delle entrate obbligatoriamente entro 30 giorni dalla stipula del contratto concordato tra affittuario e proprietario e può essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate, mediante:

Registrazione contratto locazione online: modalità di registrazione facoltativa per tutti i contribuenti, purché abilitati ai servizi telematici ad eccezione in quanto obbligatoria per i possessori di oltre 100 immobili. I contribuenti per la registrazione contratto di locazione e affitto immobili, devono utilizzare il nuovo modello Rli.

Tale modello, è infatti obbligatorio e può essere usato non solo per la prima registrazione contratto di locazione ma anche per proroghe, cessioni e risoluzioni, adesione o revoca cedolare secca eventuali denunce di affitto in nero o canoni più alti rispetto all’importo pattuito. Per i contribuenti non obbligati alla registrazione del contratto per via telematica, è prevista la possibilità di presentare il modello presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate che provvederanno all’invio online.

Registrazione contratto locazione e affitto in modalità cartacea: è necessario recarsi presso uno degli uffici di competenza territoriale dell’Agenzia delle Entrate, per compilare il nuovo modello Rli.

Registrazione contratto di locazione tramite intermediario: affidando l’incarico di registrare il contratto dando mandato a professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc. o un delegato.

Registrazione del contratto di affitto online, Per i contribuenti, affittuari e/o proprietari, che scelgono la modalità telematica per la Registrazione contratti locazione e di affitto online presso l’Agenzia delle Entrate, devono utilizzare necessariamente il modello RLI 2018.

Per effettuare la registrazione contratti locazione 2018 online l’Agenzia delle Entrate ha predisposto il nuovo software di compilazione modello RLI che consente sia la registrazione contratto locazione RLI cedolare secca e APE che il pagamento delle imposte di registro, imposta di bollo, tributi e compensi mediante il modello f24 elide.

Registrazione tramite intermediario o delegato:

L’affittuario o il proprietario possono scegliere di rivolgersi ad un intermediario per la registrazione del contratto di affitto e di locazione di un immobile.

L’intermediario è riconosciuto nelle forme di soggetti quali professionisti, associazioni di categoria, Caf, commercialisti che hanno l’obbligo di rilasciare, nel momento in cui assume l’incarico:

  • Dichiarazione, datata e sottoscritta, con cui si impegna a provvedere alla registrazione e all’esecuzione dei pagamenti telematici delle imposte relative ai canoni per le annualità successive, alle proroghe, anche tacite, alle cessioni, alle risoluzioni.
  • 2 copie della ricevuta di avvenuta registrazione o dell’esecuzione dei pagamenti delle imposte relative ai canoni per le annualità successive, delle proroghe, anche tacite, delle cessioni, delle risoluzioni (una è destinata all’altra parte contraente che non ha richiesto la registrazione).
  • 1 copia della ricevuta di pagamento delle imposte dovute.
  • Un altro modo per registrare un contratto di locazione è incaricare un soggetto delegato con adeguata capacità tecnica, economica, finanziaria e organizzativa.
  • Il contribuente è tenuto a trasmettere una richiesta di delega al competente ufficio dell’Agenzia delle Entrate identificandosi attraverso appositi codici (presenti sul modulo per la richiesta di abilitazione al servizio Entratel).

In particolare, il delegante deve compilare il quadro “T” del modulo, indicando i dati relativi al destinatario della delega (codice fiscale, cognome e nome per le persone fisiche, denominazione o ragione sociale se si tratta di persona giuridica). 

Riepilogo:

Costo registrazione contratto locazione Imposta ordinaria Cedolare secca
imposta di registro:
  • Fabbricati a uso abitativo: 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità;
  • Fabbricati strumentali per natura: 1% del canone annuo, se la locazione è effettuata da soggetti passivi Iva e 2% del canone, negli altri casi;
  • Fondi rustici 0,50% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità;
  • Altri immobili: 2% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità.
 non si paga
 Imposta di bollo  16 euro ogni 100 fogli di contratto  non si paga
 Imposta sostitutiva  non si paga
  • canone libero: 21% del canone annuo stabilito dalle parti.
  • canone concordato: 10% fino al 2017, 15% dal 2018. 

fonte: guida fisco

 

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

 

Trilocale MM Wagner

MM1 Buonarroti, MM1 Wagner, MM1 De Angeli, in Via Sanzio, in condominio Vecchia Milano, proponiamo in locazione appartamento sito al 3º piano con ascensore, composto da zona giorno con ampia cucina a vista, camera con letto singolo a scomparsa ed armadiatura a muro.
Una scala a chiocchiola ci porta alla camera matrimoniali mansardata.
Completano la soluzione i doppi servizi, aria condizionata, infissi con doppio vetro, riscaldamento autonomo.
Libero da fine marzo.

 

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Via Segantini

Via Segantini, in condominio di recente construzione, proponiamo ampio trilocale di 100 mq su 2 llivelli composto da: ingresso, camera matrimoniale con servizi e zona lavanderia, soggiorno con cucina a vista e al piano interrato la 2 camera o zona studio con bagno e cabina armadio con ingresso indipendente.
L’appartamento è totalmente arredato ed è libero subito. Il riscaldamento è centralizzato cosi come l’acqua calda ed il sistema di raffredamento. La richiesta è di 1600 oltre spese condominiali pe run totale di 300€ mensili.
Per maggiori informazioni chiamare i numeri 3926393239 o 3711461477.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Trilocale Porta Genova

Nel cuore dei Navigli, a pochi passi dalla MM2 P. ta Genova e 10 minuti da P. zza Duomo, proponiamo signorile trilocale. In stabile d’epoca con cortile interno sul quale affaccia l’appartamento totalmente isolato dai rumori della strada, affittiamo luminosissimo trilocale composto per la zona giorno da un ampio salone con cucina a vista, mentre per la zona notte troviamo una grande camera da letto ed una cameretta più 2 bagni finestrati con doccia e vasca bagno. Completa l’immobile, la possibilità di avere il box. L’appartamento è libero subito.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Via dei Biancospini

Piazza Frattini, Via dei Biancospini, in zona commercialmente molto attiva, con supermercato, farmacia e vicino al tram 14 o ai mezzi di superfici su Via Lorenteggio, proponiamo in locazione appartamento sito al 3 piano di circa 55 mq con ingresso, soggiorno con cucina a vista, camera matrimoniale e bagno. Completa la soluzione una zona lavanderia e un balcone con esposizione  sull’interno del condominio. la richiesta è di 600€ oltre spese condominiali di circa 200€. libero dal 1 febbraio.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Bilocale Via Ripamonti

Via Ripamonti, Bocconi, la zona è ricca di servizi di prima necessità che si raggiungano facilmente a piedi cosi come il l’esselunga e Lidl, inoltre ben servita dai mezzi di superfici come il tram 24 che in 10 minuti porta diretto in Piazza Duomo. L’appartamento si trova in una palazzina degli anni 30, in un 3 piano senz’ascensore ed è composto da una zona living con soggiorno e cucina a vista, che grazie alla sua doppia esposizione con accesso diretto alla terrazza è molto luminoso. Completa la soluzione un’ampia camera matrimoniale ed un bagno finestrato. La casa ha il riscaldamento autonomo ed è condizionata. La richiesta è di 1100€ compreso di spese condominiali.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Bilocale Brera

Brera, Via Solferino, nel cuore del quartiere artistico della città e vicino ai locali commerciali piu rinominati, proponiamo in locazione appartamento di circa 55 mq, sito al piano terra completamente ristrutturato e arredato. Disponibile per periodi di 6 mesi.
Libero subito.

 

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Bilocale Via Dei Biancospini

Piazza Frattini, Via Biancospini, in zona molto comoda e circondata da tutti i servizi. L’appartamento ristrutturato nel 2010 si compone da: ampio ingresso, grande soggiorno con cucina arredata a vista su tre lati, antibagno con lavabo e mobile lavabo, bagno con vasca idromassaggio, ampia camera da letto, balcone. Nel soggiorno oltre al tavolo (fratino) per 6 persone, c’è un divano (3 posti a sedere) che diventa letto matrimoniale (antenna satellitare e digitale terrestre centralizzata) la lavatrice è incassata nella cucina. La camera da letto matrimoniale è composta da un armadio a 6 ante, un comò con 4 cassetti e specchio, letto matrimoniale e un divano letto da 2 posti, la porta finestra apre sul balcone. L’affitto è di 900 Euro mensili, di cui 700 Euro per l’appartamento e 200 Euro di spese condominiali(riscaldamento centralizzato con termovalvole, acqua e portineria compresi). La cauzione è di 1400 Euro (2 mensilità) e verrà restituita a fine contratto. Si richiede una continuità contrattuale minima di 12 mesi. L’appartamento è disponibile da fine gennaio 2018.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Seconda rata Imu 18 dicembre 2017

Il 18 dicembre i proprietari di prime case di lusso e di immobili diversi dall’abitazione principale saranno chiamati a versare la seconda rata dell’Imu e della Tasi 2017.

Il Dipartimento delle Finanze (Df) ha pubblicato un comunicato che contiene le prime indicazioni per la seconda rata Imu e Tasi 2017, la cui scadenza è fissata per il 18 dicembre 2017.

Il termine ordinario per il pagamento, il 16 dicembre, cade quest’anno di sabato. Per questa ragione, il versamento slitterà, come ricorda il Df a lunedì 18 dicembre. Il versamento deve essere eseguito a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata, sulla base delle delibere pubblicate alla data del 28 ottobre 2017 nel sito informatico www.finanze.it.

Ai fini della corretta individuazione delle aliquote necessarie per il pagamento, il Df ha pubblicato un documento con le indicazioni per il versamento della seconda rata Imu e Tasi 2017, che alleghiamo… cosi  puoi scaricarlo e fare bene tutti i calcoli.  scarica QUI

fonte: idealista

[contact-form-7 404 "Non trovato"]